torna al programma
AREA TEMATICA 8a. Viaggiare, scoprire, conoscere
Parallele session(Panel)

Partire per descrivere: il viaggio scientifico nella letteratura, nel giornalismo e nelle arti parte 1

Coordinatori
Emanuele Broccio, Université Paris-Nanterre (lelebroccio@gmail.com) Pasqua De Cicco, DIP-Département Instruction Publique, Genève (pasqua.decicco@gmail.com) Federica Rossi, Université de Genève (federica.rossi@unige.ch) Leonarda Trapassi, Universidad de Sevilla (ltrapassi@us.es)
Abstract

La parola ‘viaggio’ trae origine dal latino viaticum, letteralmente «ciò che si deve portare durante il viaggio»: o, ancor meglio, la «provvista per il viaggio». Da questo bagaglio iniziale (costituito non solo di beni materiali, ma anche e soprattutto dal patrimonio culturale di partenza), il viaggiatore si apre alla conoscenza e a molteplici saperi: esplora, indaga, conosce, compara, enumera. E descrive.  

In effetti, l’esito del viaggio è spesso la descrizione: non solo dei fenomeni osservati, ma anche e soprattutto di ciò che il viaggiatore ha tratto in termini di consapevolezza di sé e dei propri progressi rispetto al viaticum di partenza. Tanti ne sono gli esempi, offerti dalla letteratura, dal giornalismo, dall’arte, dal teatro e dal cinema: la narrazione del viaggio si declina attraverso i secoli in una profusione di guide, trattati, carte geografiche, carnets, racconti, reportage, ecc. Il modello di riferimento è Ulisse, nella sua accezione dantesca: il viaggiatore per eccellenza, che si muove perché vuole conoscere e narra le proprie avventure ad altri viaggiatori (Dante e Virgilio) che si muovono, a loro volta, nell’aldilà.  

In linea con la tematica del convegno, il presente panel mira ad analizzare le risultanze di tale produzione in rapporto alle tipologie di viaggio, che fanno dell’approccio scientifico il proprio motore. Tali tipologie sono, per esempio: 1. il viaggio di tipo naturalistico (come descrizione di fenomeni naturali); 2. il viaggio di tipo geografico (come descrizione di luoghi); 3. il viaggio di tipo etnografico (come descrizione di popoli). In queste categorie rientrano tante varietà di viaggiatori che si muovono in vari spazi (concreti o di fantasia, terrestri o marini, fuori o dentro la città; persino oltre l’atmosfera, come ci insegna l’Orlando furioso). È viaggiatore, ad esempio, lo scienziato che elenca, cataloga e descrive oggetti, luoghi, risorse e fenomeni. Lo è pure il mercante, che testa e scopre nuovi percorsi per i propri commerci. Lo è anche il militare, che si sposta per obblighi di sicurezza o sete di espansione, e associa a questo spostamento la descrizione dei luoghi che vede. Come non citare, poi, il pellegrino, che lascia traccia delle proprie peregrinazioni nella personale ricerca del divino, o il viandante, che si muove perché spinto dalla curiosità e dal desiderio di accumulare esperienze. Viaggiatori sono infine il geografo, che descrive paesaggi ed ecosistemi; il narratore, che apre il mondo al lettore attraverso il proprio taccuino o la pagina del proprio blog; il giornalista, che documenta fatti, studia popoli e testimonia eventi. 

Questa lista, ovviamente, non è esaustiva. Come pure non lo sono le categorie letterarie ed artistiche descritte. Saranno tuttavia accolte le proposte che meglio interpreteranno l’obiettivo del panel: tracciare un bilancio delle strategie individuate in vari ambiti della cultura per raccontare il viaggio inteso in senso scientifico.

Sessione 1

Orario
June 28, 2021 14:30
-
16:30
Moderazione
Federica Rossi ed Emanuele Broccio
Sylwia Skuza (Università Niccolò Copernico di Toruń)
Il viaggio di un italiano nella Polonia del XIX secolo
Dorota Karwacka-Pastor (Università di Danzica)
Il mondo dei mongoli del XIII secolo. Viaggio etnografico di Giovanni Da Pian del Carpine
Laura Crippa (Università della Svizzera italiana)

Il viaggio di Giovanni Pascoli nella letteratura popolare fuori d’Italia: Fior da fiore e la collana della «Biblioteca dei Popoli»

Patrizia Guida (Università LUM)
L’Italia post-unitaria raccontata dalle viaggiatrici di fine Ottocento
Maria Grazia Colombari (docente MIUR, Cuneo)

Il Milione di Marco Polo: descrizione di un mondo sconosciuto oggi sempre più importante

Sessione 2

Orario
June 29, 2021 10:00
-
11:15
Moderazione
Emanuele Broccio e Federica Rossi
Dirk Vanden Berghe (Vrije Universiteit Brussel)
Quando agli Italiani non si nega più la conoscenza dell’Italia: Guido Piovene scrittore di viaggio
Leonarda Trapassi (Universidad de Sevilla)
Case, Amori e Universi di Fosco Maraini: autobiografia di un antropologo-scrittore e “viaggiator curioso”
Roberto Ubbidiente (Humboldt Universität zu Berlin)
Sulle tracce della catastrofe: il «tremuoto» del 1783 nel racconto delle relazioni scientifiche di viaggio

Sessione 3

Orario
June 29, 2021 11:30
-
13:00
Moderazione
Emanuele Broccio e Federica Rossi
Abdelhaleem Solaiman (University of Aswan / Università di Genova)

I Sette Viaggi di Sindbad. Il marinaio delle Mille e una notte tra letteratura e scienza

Simona Di Martino (University of Warwick)
Il viaggio oltremondano nella letteratura italiana del Settecento. Il caso di Alfonso Varano
Sawa Ishii (Tokio University of Foreign Studies)

Per Marte. Rappresentazione di “Marte” nel Corto viaggio sentimentale di Italo Svevo

Sessione 4

Orario
June 29, 2021 14:00
-
15:15
Moderazione
Federica Rossi e Emanuele Broccio
Fabrice De Poli (Université Savoie Mont Blanc)
L’Ulisse di Pascoli e il rapporto dialettico con la scienza
Martina Piperno (Università di Lovanio, KU Leuven)
“Dico a te, Clio”, o la controstoria di Alberto Savinio
Chiara Zampieri (Università di Lovanio, KU Leuven)

Tra sapere archeologico e conoscenza letteraria: Viaggetto in Etruria di Giuseppe Ungaretti

Sessione 5

Orario
June 30, 2021 10:00
-
11:15
Moderazione
Emanuele Broccio e Federica Rossi
Bogumila Bielanska (Università Jagellonica di Cracovia), Stefan Bielanski (Università Pedagogica di Cracovia)
Il mondo della fine del Cinquecento secondo Giovanni Botero
Chiara Coppin (Università degli studi di Napoli l’Orientale)

Viaggio Nel paese di Gesù con Matilde Serao

Colbert Akieudji (Université de Dschang)
Il viaggio africano di Alberto Moravia e Gianni Celati: tra geografia e storiografia

Sessione 6

Orario
June 30, 2021 11:30
-
13:00
Moderazione
Federica Rossi
Francesco Polopoli (docente MIUR, Lamezia Terme)
La geografia di una calamità calabrese: il terremoto del 1638 in un reportage del Kircher
Margherita Verdirame (Università di Catania)
Un evento catastrofico di fine Settecento nell'immaginario letterario dell'epoca
Luisa P. Sorbello (Università di Catania)
Relazioni scientifiche sul grande sisma di Calabria e Sicilia (1783)

Sessione 7

Orario
June 30, 2021 14:00
-
16:00
Moderazione
Federica Rossi e Emanuele Broccio
Moreno Campetella (Université Catholique de Lyon / Université Jean Moulin Lyon 3)
Le nuove realtà naturali nei resoconti dei viaggi di scoperta del XVI secolo: uno studio lessicologico
Ilaria Macera (Università di Firenze)
Raccontare l’Europa – Geografia e letteratura nell’«Antologia» di Vieusseux
Nicoleta Calina (University of Craiova)
Dora d'Istria: viaggiatrice di eccezione alla scoperta della conoscenza. (La principessa di origine rumena Elena Ghika)
Francesco Brenna (Towson University)
Il viaggio e la descrizione scientifica nell’epica del Rinascimento