torna al programma
AREA TEMATICA 8b. Viaggiare, scoprire, conoscere
Parallele session(Panel)

Partire per descrivere: il viaggio scientifico nella letteratura, nel giornalismo e nelle arti parte 2

Coordinatori
Emanuele Broccio, Université Paris-Nanterre (lelebroccio@gmail.com) Pasqua De Cicco, DIP-Département de l’instruction publique, Genève (pasqua.decicco@gmail.com) Federica Rossi, Université de Genève (federica.rossi@unige.ch) Leonarda Trapassi, Universidad de Sevilla (ltrapassi@us.es)
Abstract

La parola ‘viaggio’ trae origine dal latino viaticum, letteralmente «ciò che si deve portare durante il viaggio»: o, ancor meglio, la «provvista per il viaggio». Da questo bagaglio iniziale (costituito non solo di beni materiali, ma anche e soprattutto dal patrimonio culturale di partenza), il viaggiatore si apre alla conoscenza e a molteplici saperi: esplora, indaga, conosce, compara, enumera. E descrive.  

In effetti, l’esito del viaggio è spesso la descrizione: non solo dei fenomeni osservati, ma anche e soprattutto di ciò che il viaggiatore ha tratto in termini di consapevolezza di sé e dei propri progressi rispetto al viaticum di partenza. Tanti ne sono gli esempi, offerti dalla letteratura, dal giornalismo, dall’arte, dal teatro e dal cinema: la narrazione del viaggio si declina attraverso i secoli in una profusione di guide, trattati, carte geografiche, carnets, racconti, reportage, ecc. Il modello di riferimento è Ulisse, nella sua accezione dantesca: il viaggiatore per eccellenza, che si muove perché vuole conoscere e narra le proprie avventure ad altri viaggiatori (Dante e Virgilio) che si muovono, a loro volta, nell’aldilà.  

In linea con la tematica del convegno, il presente panel mira ad analizzare le risultanze di tale produzione in rapporto alle tipologie di viaggio, che fanno dell’approccio scientifico il proprio motore. Tali tipologie sono, per esempio: 1. il viaggio di tipo naturalistico (come descrizione di fenomeni naturali); 2. il viaggio di tipo geografico (come descrizione di luoghi); 3. il viaggio di tipo etnografico (come descrizione di popoli). In queste categorie rientrano tante varietà di viaggiatori che si muovono in vari spazi (concreti o di fantasia, terrestri o marini, fuori o dentro la città; persino oltre l’atmosfera, come ci insegna l’Orlando furioso). È viaggiatore, ad esempio, lo scienziato che elenca, cataloga e descrive oggetti, luoghi, risorse e fenomeni. Lo è pure il mercante, che testa e scopre nuovi percorsi per i propri commerci. Lo è anche il militare, che si sposta per obblighi di sicurezza o sete di espansione, e associa a questo spostamento la descrizione dei luoghi che vede. Come non citare, poi, il pellegrino, che lascia traccia delle proprie peregrinazioni nella personale ricerca del divino, o il viandante, che si muove perché spinto dalla curiosità e dal desiderio di accumulare esperienze. Viaggiatori sono infine il geografo, che descrive paesaggi ed ecosistemi; il narratore, che apre il mondo al lettore attraverso il proprio taccuino o la pagina del proprio blog; il giornalista, che documenta fatti, studia popoli e testimonia eventi. 

Questa lista, ovviamente, non è esaustiva. Come pure non lo sono le categorie letterarie ed artistiche descritte. Saranno tuttavia accolte le proposte che meglio interpreteranno l’obiettivo del panel: tracciare un bilancio delle strategie individuate in vari ambiti della cultura per raccontare il viaggio inteso in senso scientifico.


Sessione 1

Orario
June 28, 2021 14:30
-
16:30
Moderazione
Leonarda Trapassi e Lina De Cicco
Lavinia Spalanca (Università degli Studi di Palermo)
Passeggiare, conversare, guardare. Il «metodo/non-metodo» di Soldati viaggiatore in Sicilia
Gaia Palesati (Scuola di Musica e Arte Il Trillo, Firenze)
Alberto Hemsi: musicista e compositore novecentesco del Mediterraneo
Luciana Duarte Baraldi (Universidade de São Paulo)

Approssimazioni tra geografia e cinema: studio del documentario Fuocoammare (2016), di Gianfranco Rosi

Laura Campanale (docente MIUR, Treviso)
L'epopea dei gelatieri veneti oltralpe: memorie di viaggio di una tradizione pluricentenaria

Sessione 2

Orario
June 29, 2021 10:00
-
11:15
Moderazione
Coordinano: Federica Rossi e Lina De Cicco
Francesca Bianco (Università degli Studi di Padova)
Uno sguardo verso l’estero: reportages e descrizioni nelle riviste venete del Risorgimento
Massimo Castellozzi (IULM - Libera Università di Lingue e Comunicazione, Milano)
«La nostra terra promessa». Realtà, chimere e propaganda nei reportage dal fronte italo-turco
Eva Tichoniuk-Wawrowicz (University of Zielona Gora)
«Viaggiare è molto più divertente che arrivare». Il reportage di Oriana Fallaci: tra viaggio e guerra

Sessione 3

Orario
June 29, 2021 11:30
-
13:00
Moderazione
Coordinano: Lina De Cicco e Leonarda Trapassi
Serena Spazzarini (Università degli Studi di Genova)
Lo sguardo clinico sull’Italia di Johann Christian August Heinroth
Anna Aksenova (GITIS- Russian Institute of Theatre Arts, Mosca)

Pavel Muratov e la sua opera Le Immagini d’Italia

Nunzia Soglia (Università Telematica Pegaso)
Viaggiatori della prosa al Giro d'Italia
Federica Rossi (Université de Genève)
Dal caos alla città: ripercorrere alcuni luoghi descrivendoli. Due esempi del XXI secolo

Sessione 4

Orario
June 29, 2021 14:00
-
15:15
Moderazione
Lina De Cicco e Leonarda Trapassi
Loredana Palma (Università degli Studi di Napoli l’Orientale)
Viaggi di carta: viaggio e conoscenza nel giornalismo preunitario
Angela Costantini (Università degli studi della Tuscia)
Mario Rigoni Stern e Indro Montanelli in Albania
Silvia Ricca (Université de Lorraine)
Il viaggio oltre i fatti: diari di bordo del giornalismo contemporaneo

Sessione 5

Orario
June 30, 2021 10:00
-
11:15
Moderazione
Leonarda Trapassi e Lina De Cicco
Elena Rondena (Università Cattolica del Sacro Cuore)
Tra Spalato e Vienna verso Salona: Francesca Carrara, un esempio di Ulisse dalmata italiano
Barbara Sturmar (docente MIUR, Gorizia)
“Forse sono sulla strada giusta”. I viaggi scientifici di Paolo Rumiz
Karol Karp (Nicolaus Copernicus University, Toruń)
Il viaggio nel comunismo attraverso i romanzi di Ingrid Beatrice Coman

Sessione 6

Orario
June 30, 2021 11:30
-
13:00
Moderazione
Leonarda Trapassi e Lina De Cicco
Emanuele Broccio (Université Paris-Nanterre)

Letteratura, viaggi e omosessualità. L’Odalisco di Vittorio Camillo Pescatori

Mohammed Salah (Minia University)
Fausta Cialente: viaggiare come motivo di ricerca di identità
Cinzia Gallo (Università di Catania)
Il viaggio in Russia di Pier Antonio Quarantotti Gambini
Paolo Leoncini (Università Ca’ Foscari-Venezia)
La Cina di Goffredo Parise e di Luigi Malerba

Sessione 7

Orario
June 30, 2021 14:00
-
16:00
Moderazione
Lina De Cicco e Leonarda Trapassi
Cesary Bronowski (Nicolaus Copernicus University, Toruń)

Viaggio e identità. Effetto del romanzo Il fu Mattia Pascal di L. Pirandello in Roque Six di J. Lopez

Carmen Lucia (Università degli Studi di Salerno)
Sguardi di viaggiatori, Pasolini, Ungaretti, La Capria. “La terza Napoli, tra silenzio e grida” di Carlo Bernari
Cristina Furlan (McGill University, Montréal)
Amalia Nizzoli: un libro di memorie da una donna per le donne
Vera Horn (Università “Cà Foscari”, Venezia)
Dal Grand Tour ai due mari: i viaggi nel tempo e nello spazio nella ricostruzione di un archetipo
Irena Prosenc (University of Ljubljana)
I viaggi scientifici di Alberto Fortis alla scoperta del mondo slavo